Insolvenze obbligazionarie

Perdite su investimenti

 

Sphera Consulting si occupa di individuare e analizzare le cause delle perdite su investimenti finanziari al fine di chiederne il risarcimento ove ci siano i presupposti.

Le perdite legate a investimenti su azioni, obbligazioni, o gestioni patrimoniali possono essere imputate all’advisor qualora si tratti di cattiva gestione o mancato assolvimento degli obblighi di legge.

L’advisor è il professionista che dovrebbe consigliare il cliente in maniera trasparente, priva di conflitto di interessi e, mirata al raggiungimento del miglior risultato possibile per il cliente (la cosiddetta Best Executiona seguito dell’introduzione della direttiva MIFID dell’1 Novembre 2007).

 

Quando è la banca a svolgere la funzione di advisor, è possibile che gli scarsi risultati o le perdite subite siano dovute al conflitto di interessi  a cui è soggetta la banca, che la spinge a consigliare investimenti che garantiscono innanzitutto un profitto per sé stessa.

 

Insolvenze obbligazionarie

 

Recupero delle perdite

Sphera Consulting redige analisi peritali che vengono utilizzate in sede di contenzioso o trattativa con la banca al fine di recuperare le perdite su obbligazioni (o titoli collegati come strutturati, certificates e polizze index linked) di emittenti in stato di insolvenza, per fallimento o altre cause.

Nel caso l’investitore non avesse un legale di riferimento, Sphera Consulting fornisce tramite la propria rete un accesso immediato agli studi legali specializzati in materia.

 

Responsabilità su cui rivalersi

In alcuni casi, come quello del fallimento della banca di investimento americana Lehman Brothers (ma il medesimo discorso si può riproporre per le obbligazioni Argentine, Cirio, Parmalat, Kaupthing, …), gli istituti che si sono occupati di collocare sul mercato dei risparmiatori queste obbligazioni sono spesso in larga misura responsabili delle perdite patite dal cliente, a causa di una mancata o tempestiva comunicazione del deteriorarsi della situazione.
Il Testo Unico della Finanza sancisce infatti l’obbligo di una corretta informazione da parte delle banca collocatrice agli investitori. Tale obbligo viene rafforzato nel caso in cui il titolo andato in default (stato di fallimento) si trovasse al momento della stipula nella lista dei titoli “basso rischio – basso rendimento” istituita dal consorzio Patti Chiari, che imponeva regole di trasparenza molto stringenti.

 

La perizia

Sphera Consulting grazie alle proprie risorse interne è in grado di dimostrare in maniera oggettiva e riproducibile le eventuali responsabilità degli istituti di credito emittenti. Le analisi prodotte si basano sulla rielaborazione matematico-statistica di alcuni specifici dati di mercato secondo modelli universalmente riconosciuti e accettati dalla comunità finanziaria che rappresentano la market best practice.
Le nostre perizie oggi utilizzate in numerosi procedimenti vengono richieste da studi legali e investitori che utilizzano le nostre elaborazione come punto di partenza nelle richieste di risarcimento.